Skip to content

Sennheiser GSP 670 vs 370: Quale cuffia da gioco wireless è migliore?

The GSP 670 e GSP 370 sono due cuffie da gioco della famosa compagnia audio Sennheiser. In sostanza, sono praticamente gli stessi in cui sono entrambi wireless e offrono una qualità del suono decente. Tuttavia, hanno differenze evidenti. Mentre l’SPG 670 è pieno di più funzionalità, l’SPG 370 è più snello, il che non è necessariamente una cosa negativa. Passiamo i due l’uno contro l’altro per vedere quale si può offrire una migliore esperienza di gioco in generale.

Design

Nonostante gli “accenti di gioco” qua e là, l’SPG 670 e GSP 370 sono inconfondibilmente Sennheiser. Questo dice molto dal momento che l’azienda ha un certo aspetto premium e design per i loro prodotti. La qualità costruttiva del Sennheiser GSP 670 è eccellente. Il suo peso ti rende sicuro che si tratta di una coppia solida di lattine che di tanto in tanto possono sopravvivere a dossi e incidenti. A 0,88 libbre, molti potrebbero presumere che sia ingombrante per lunghe sessioni di gioco, ma è sorprendentemente comodo. Anche se è molto più economico al confronto, non si mostra nella qualità costruttiva. Sennheiser non lesina su nulla qui. È un contendente leggero, che arriva a 0,62 libbre. Ciò significa che è ancora più facile in testa rispetto allo SPG 670. Il design e i cuscini delle cuffie rendono la vestibilità. Sentirai che ti taggano davvero bene le orecchie, al punto che l’annullamento del rumore è solo un risultato naturale.

qualità del suono

come previsto da un auricolare Sennheiser, l’SPG 670 può fornire un suono ricco. Ha un basso incisivo e medi e alti chiari. Può produrre boom profondi secondo necessità e raccogliere dettagli sottili. Il suono non si degrada anche a livelli forti, quindi puoi alzare il volume senza preoccupazioni. Quello che stai pagando qui è l’audio di qualità e questo si traduce in un’esperienza senza crepitio ed equilibrata. Prendi nota che suona meglio quando è collegato tramite il dongle USB. Il Sennheiser GSP 370 non è un po ‘all’altezza rispetto allo GSP 670, ma non delude. Sebbene il suo basso sia un po ‘debole, la chiarezza dei suoi medi e alti è alla pari con l’SPG 670. Tuttavia, si potrebbe scoprire che suona un po’ più piatta rispetto allo SPG 670. Entrambi le cuffie supportano il suono surround virtuale, che, che, che supportano il suono virtuale, che, che, che supportano le cuffie virtuali, che, che supportano il suono surround virtuale, che supporta il suono surround virtuale, che supporta il suono surround virtuale, che supporta il suono surround virtuale, che supporta il suono surround virtual Puoi attivare la suite di gioco Sennheiser (ne parleremo più avanti). Il fatto è che non consegnano davvero su questo fronte. In particolare, il suono su GSP 370 diventa una specie di smorzato e, a volte, robotico. Tuttavia, il suono surround si rivela utile nei giochi, fornendo segnali audio posizionali che aumentano il tuo gioco. Ma non meno importante, i due hanno microfoni a muto, il che è davvero conveniente.

Dispone di

La Sennheiser Gaming Suite è dove è possibile modificare le impostazioni del pareggio, alternare tra il suono surround e lo stereo e tutto quel jazz. Puoi anche accedere alle impostazioni del microfono lì e regolare cose come tono laterale e guadagno. Sebbene ciò possa sembrare abbastanza ampio sulla carta, è un po ‘carente rispetto ad altri software come It. Un enorme vantaggio che il Sennheiser GSP 670 ha su GSP 370 è il gioco dell’audio di gioco e chat. Per questo, Sennheiser lo ha inserito con due ruote di controllo per un facile accesso, uno per l’audio di gioco e un altro per la chat, ovviamente. Ha anche gettato un pulsante intelligente per passare da un preset al volo e un pulsante di abbinamento. Ci vorrà un po ‘di tempo abituarsi ai controlli. Dopotutto, hai intenzione di giocherellare con due ruote e due pulsanti a sinistra e auricolari. Nell’altra mano, il Sennheiser GSP 370 mantiene le cose semplici con solo una manopola di volume. Un aspetto negativo è che non puoi bilanciare il gioco e l’audio di chat su di esso.

Life della batteria

La durata della batteria è dove brilla davvero Sennheiser GSP 370. Vanta fino a 100 ore di gameplay con una singola carica. Non sarai catturato con un auricolare morto poiché puoi usarlo anche mentre è collegato. In contrasto, il Sennheiser GSP 670 ha una durata della batteria più breve. Può passare tra le 16 e le 20 ore. È decente, ma sembra anche poco impressionante se messo fianco a fianco con l’SPG 370. Nella difesa della GSP 670, puoi anche caricarlo e usarlo allo stesso tempo.

Verdetto

Non c’è dubbio che il Sennheiser GSP 670 soffia l’SPG 370 fuori dall’acqua quando si tratta di funzionalità e qualità audio. Considerando la differenza di prezzo, sarebbe strano se no. Detto questo, preferiamo l’SPG 370 su GSP 670. Come lattine di gioco, offre solo un’esperienza complessiva. Questo è grazie alla sua durata della batteria di 100 ore, al design senza frittura, al peso più leggero e alla convenienza. Certo, il suono surround non è così buono, ma fa il lavoro. Inoltre, l’SPG 670 non consegna nemmeno a questo proposito.

FAQS

📌 Quali sono le principali differenze tra Sennheiser GSP 670 e GSP 370?

L’SPG 670 ha più controlli e un ampio intervallo di risposta in frequenza, ma la GSP 370 ha una durata della batteria più lunga, in effetti cinque volte di più.

📌 Quanto dura la durata della batteria del Sennheiser GSP 370?

Lo SPG 370 è valutato per durare fino a 100 ore con una singola carica, che è molto più lunga della durata media della batteria che ti aspetteresti dalle cuffie da gioco.

📌 Il Sennheiser GSP 670 e GSP 370 hanno un suono surround?

Sì, entrambe le cuffie supportano il suono surround Virtual 7.1.

📌 Che è meglio, Sennheiser GSP 670 o GSP 370?

Tecnicamente, l’SPG 670 è migliore di GSP 370 perché ha più funzionalità e migliore qualità del suono. Tuttavia, l’SPG 370 è probabilmente migliore dell’SPG 670 perché è più conveniente e ha una durata della batteria più lunga e un peso più leggero.